TFF33: LO SGUARDO SELVATICO
di Marco Longo
Un'opera che spicca nel concorso del 33° Torino Film Festival: God Bless the Child di Robert Machoian e Rodrigo Ojeda-Beck, un film asciutto e selvaggio che segue l'andamento anarchico dell'infanzia.
TFF33: COLONIALISMO SENTIMENTALE
di Elisa Cuter
John From di Jõao Nicolau, già montatore di Miguel Gomes, trasforma un'ordinaria storia sentimentale in una miracolosa radura di desiderio senza punizione né sfruttamento. Tra i film migliori del Concorso.
TFF33: QUANDO IL FANTASMA DEL TEMPO SVANISCE
di Daniela Persico
Terence Davies ha ricevuto il Gran Premio Torino. Per l'occasione è stato presentato il suo ultimo film, Sunset Song, un crepuscolare dramma storico che indugia eccessivamente nel calligrafismo.
TFF33: IL PARADISO DELLE IMMAGINI PERDUTE
di Giampiero Raganelli
Con La France est notre patrie, Rithy Panh condanna l'ipocrisia colonialista, insieme al concetto di progresso come direzione necessaria che dovrebbe intraprendere un popolo ed è invece stabilita da altri.
TFF33: A FIANCO DEL MACELLO
di Jacopo Favi
Presentato al FID Marseille e vincitore dell'Internazionale.doc al TFF, Fi Rassi Rond-Point di Hassen Ferhani ruota attorno alla quotidianità di un mattatoio algerino, sezionandone metodicamente gli spazi e i tempi.
TFF33: ONDE MAGNETICHE
di Gimmelli, Monti, Persico, Raganelli, Stellino
Cinque film dalla sezione dedicata al cinema di ricerca, che quest'anno ha presentato alcuni dei titoli più interessanti del festival, tra cui la performance-film saggio di Ross Sutherland, Stand by for Tape Back Up.
IL LINGUAGGIO DELLA STORIA
di Giulia Longo
Presentato al Festival International du Film Indépendant de Bordeaux, Les Filles du Moyen Age, secondo lungometraggio di Hubert Viel, sceglie una via anti-realistica per raccontare il passato.